Un rapporto diretto con la natura e i suoi cicli ha reso la famiglia Rodaro ancora più consapevole dei mutamenti climatici in atto: in quarant’anni di attività sui Colli Orientali, si è rilevato che l'inizio della vendemmia è stato anticipato di oltre venti giorni. Durante l’infanzia di Paolo, infatti, la raccolta delle uve di (Tocai) Friulano cominciava i primi giorni di ottobre, mentre negli ultimi anni la stessa tipologia di vendemmia si è conclusa nei primi giorni di settembre. Nel 2018, infine, la raccolta di questa varietà è stata ancor più precoce, tanto da avvenire negli ultimi giorni di agosto. 

Consci della situazione, la cantina Rodaro è ancora più attiva sul versante del rispetto e della tutela dell’uomo e dell’ambiente. L’impegno profuso per la sostenibilità è riconosciuto da diversi anni, come prova l’attestato Ecofriendly di Vini Buoni d’Italia e di Touring Club Italiano. Inoltre, il marchio europeo  SQNPI (Sitema di Qualità Nazionele Produzione Integrata), certificato dall'ente indipendente CEVIQ, riconosce alla struttura la  certificazione delle sue vigne e dei suoi vini per la qualità sostenibile, attraverso la lotta integrata a basso impatto ambientale. 

La cantina Rodaro agisce nell’ottica della sostenibilità:

  1. Utilizzando energia pulita: l’energia rinnovabile degli impianti fotovoltaici aiuta ad alimentare le necessità energetiche della cantina e a limitare le emissioni di CO2 nell’ambiente; 

  1. Adottando pratiche che certificano la sostenibilità delle vigne e dei vini: da oltre 15 anni la cantina è partner di un progetto pilota a livello nazionale che mira a evitare l’uso di insetticidi di sintesi e antibotritici, nonché a diminuire l’impatto ambientale delle coltivazioni sul territorio dei Colli Orientali del Friuli. Il progetto si ispira all’applicazione della Direttiva 2009/128/CE, con l’obiettivo di migliorarne la performance; 

  1. Utilizzando nelle vigne pali di legno provenienti da boschi di proprietà;

  1. Prediligendo fertilizzanti animali provenienti dalle stalle del territorio; 

  1. Recuperando l’acqua nel laghetto ai piedi delle colline di proprietà per l’irrigazione in vigna, che può essere fatta manualmente in annate particolarmente siccitose; 

  1. Piantando nella proprietà nuovi vitigni resistenti alle malattie, che non richiedano alcun trattamento in vigna;  

  1. Selezionando partner certificati, un valore aggiunto al lavoro della cantina, nell’ottica dell’amore per la vita: la collaborazione con fornitori che condividono gli stessi valori è indispensabile per crescere e camminare lungo la strada "del rispetto delle generazioni presenti e future".  

RODARO PAOLO - Via Cormòns 60, Località Spessa, Cividale del Friuli (UD) 33043, Friuli Venezia Giulia ITALY T./F. +39-0432-716066
Mail: info@rodaropaolo.it Pec: rodaro1958@pec.coldiretti.it - P.IVA 02595160306 - C.F. RDRPLA58B27L483
Privacy Policy | Cookies

© by MediaTremila.

* Bevi responsabilmente! *